Dic 012007
 

Questo sito raccoglie e pubblica racconti erotici, non è quindi adatto a un lettore minorenne.
Chiunque può diventare autore del sito, l’iscrizione è gratuita e non impegnativa.

  6 Responses to “Racconti erotici”

  1. richiesta iscrizione

  2. spero k i miei racconti vi piacciano!nn siate troppo cattivi cn me mi raccomando!:D

  3. exite

  4. ciao a tutti

  5.  
     
     
    Sogno Erotico
     
    …prima bacerei la tua pelle, … centimetro per centimetro. Lo farei lentamente ed appassionatamente… con cura, partendo dai piedi per risalire fino ai capelli, sfiorando pericolosamente la tua fonte del piacere.
    Ad intervalli più o meno regolari, mi solleverei per riempire la tua bocca di baci.
    Poi, quando la tua pressione avrà raggiunto livelli molto alti, affonderei le labbra nella valle del piacere, per scendere piano piano dentro la grotta magica.
    Assaporerei ogni momento passando tra il lussureggiante bosco le vibrazioni del tuo corpo che si inarca sotto le umide frustate della mia lingua.
    Quando poi, il calore avrà invaso tutta la tua anima ed il piacere sarà per te divenuto insopportabile, ti prenderei piano piano e dolcemente, con movimenti lenti sempre più profondi, accelerando ogni tanto il ritmo e rallentandolo poi fino a fermarmi per lunghi tratti con tutta la mia anima dentro di te e nel frattempo riempirei la tua bocca e l’intero viso di voluttuosi baci.; lo farei per decine di minuti cambiando moltissime volte le posizioni dei nostri corpi e il modo in cui la mia sciabola penetra voracemente dentro il tuo ventre.
    Ascolterei i tuoi gemiti salire ogni volta che il tuo piacere giunge al culmine. Per ricominciare in nuovi cicli sempre più agognati.
    Infine quando la mia volontà non potrà più arginare il mio impeto, un fiume di passione e geni ti inonderà tutta, riempiendo il tuo corpo di dolce speranza, tra un assordante acuto di piacere univoco dei corpi.
     
                                                         Erotocram

  6. Melly Martini è un attrice 19enne di origni italiane considerate tra le maggior interpreti della sua generazione, l'arrivo all'hotel era previsto per le nove ed era la prima tappa per la promozione del nuovo film nella sala stampa appositamente allestita.
    Le successive ore all'arrivo furono molto impegnative, tutto doveva essere svolto alla perfezione e Josh, il suo agente non era pienamente soddisfatto, dato che era il vero momento in cui bisognava far trionfare le capacità recitative al fine di promuovere efficacemente il prodotto cinematografico, e i due ebbero uno screzio in tarda mattinata tanto che lei minacciò di licenziarlo.
    DI ritorno il Suite, in tarda notte dopo una lunga diretta televisiva e mille interviste si recò sul balcone come espirare le fatiche del giorno e vide una numerosa folla di curiosi, ammiratori che accolsero con grida ed applausei, Melly avrebbe sempre voluto addormentarsi tra gli applausi e amava particolarmente essere al centro dell'attenzione, la natura è stata dalla sua parte, lunghi capelli neri corvino e occhi azzurri che brillavano come diamanti su di un corpo longilneo e vellutato che vedeva la sua massima espressione in  un seno perfetto e gambe sinuose e sexy.
    Con la coda dell’occhio dal balcone percepì un ombra dietro di lei, si girò e tornò dentro la suite lasciando mestamente il fans di fronte all’hotel, all’improvviso mise di scatto la mano sul collo ed ansimando affannosamente cadde fra le mani di un giovane ragazzo sulla ventina entrato inspiegabilmente  in stanza terra.
    Melly era paralizzata non riusciva a muoversi ma poteva udire e vedere ogni cosa, le mani di un uomo corpulento e minaccioso  la distesero delicatamente sul letto, e notò che l'uomo indossava una divisa da inserviente aveva uno sguardo da animale e i pantaloni gonfi,  l'uomo le sussurò qualcosa nell'orecchio, ma non era inglese e Mellly non capì, a quel punto l'aria poco rassicurante dell'uomo si aumentò sempre più e cominciò a sdraiarsi su di lei e strusciava il suo corpo sul ventre scoperto  della giovane attrice, a quel punto Melly sentì il cazzo del ragazzo divetare duro sotto i vestiti, non aveva il coraggio di incrociare nuovamente il suo sguardo l'uomo le prese il dolce viso e quasi punto gli occhi dell'attrice con i suoi, a quel punto la bocca dell'inserviente percorreva il sensuale collo di Melly e con le mani afferrava con veemenza i seni della donna.
    Melly era distrutta e se non fosse stata paralizzata era convinta che non avrebbe saputo reagire e si rassegnò anche psicologicamente quando all'improvviso…. si sentì bussare alla porta, era Josh, il suo agente, bussò tre volte poi decise di usare la tessera magnetica in dotazione al suo staff, sapeva che Melly non poteva essersi già addormentata, quando entrò Melly era riversa sul letto seminuda e pareva morta con gli occhi aperti, Josh ancora condizionato dallo screzio avuto in giornata si scagliò sulla donna e le mise il suo grosso cazzo tra le gambe, a quel punto uscì l'inserviente i due ebbero un cenno d'intesa anche se non si erano mai visti e cominciarono ad abusare di lei.
    Melly aveva un grosso cazzo tra le gambe che cercava con forza e un altro che lasciava caldi liquidi nella sua bocca che l'uomo prese per le orecchie come fossero maniglie e le condusse a se sino a rimpirgli la bocca con schizzate che le grondarono in gola.
    I due girarono Melly ed i raggi du luna illuminavano dalla finestra il bianco culetto sodo della giovane ragazza, entrarò con foga in lei e il caldo buco indurì ancor di più Josh che afferò le mani di Melly e le mise sulla sua cappella che lo lustrarono per bene sino a quando una bianca gittata potò Josh al piacere, e l'inserviente ammirava la scena masturbandosi con appagamento e sul finire si diresse sull'anglico corpo di  Melly di cui ne inondò il glabro famoso culo Hollywoodiano e si notò con stupore dei presenti un lievissimo sorriso sul volto di Melly che lentamente continuava ad allargarsi…
    il giorno seguqnete Melly si svegliò e non appena la vista si schiarì notà una bevanda alcolica ancora impugnata nella mano destra, ricordava la duplice violenza ma non ne vedeva prove ne sul suo corpo ne nella stanza, non azzardò maichiedere spiegazioni al suo agente un all'usione del genere avrebbe compromesso la sua cariera e dopo tutto sarebbe potuto essere veramente solo un sogno, anche se da quella notte Josh la guardò sempre con occhi particolari e nella testa di Melly rimase impressa la strana sensazione che la camera fosse stata tropo ordinata rispetto alla sera priama come fosse passato un inserviente a riordinare……

 Leave a Reply

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

(required)

(required)